Vejer de la Frontera Cadice

Vejer de la Frontera: cosa vedere nel pueblo blanco

L’Andalusia è veramente tutta da scoprire, una perla che pochi conoscono e che sempre più stanno iniziando ad apprezzare. Oggi parliamo di Vejer de la Frontera, un piccolo paesino romantico e suggestivo in provincia di Cadice (o Cadiz). Si tratta di un Pueblo Blanco, pieno di storia e che è assolutamente da vedere.

Vejer de la Frontera si trova vicino l’Oceano e veramente a due passi dalle fantastiche spiagge andaluse, vanta 12.000 abitanti ed il famoso castello di Vejer, ma anche il titolo (per molti) del pueblo più bello di tutta l’Andalusia.

Storia Vejer de la Frontera

Il paese in provincia di Cadiz fu casa per fenici, cartaginesi e romani, fino al 711 quando i visgoti persero il dominio della città a vantaggio dei musulmani che rimasero li fino a 13° secolo quando la città fu riconquistata da i Re Cattolici.

Questo piccolo paesino, sulle sponde del fiume Barbate non è invaso da turisti, ma la sua storia è così importante che tutto ciò è strano. Andiamo quindi a scoprire cosa è possibile vedere a Vejer de la Frontera.

Cosa vedere a Vejer de la Frontera

Se state pensando di visitare la cittadina allora è il caso di organizzarsi per sapere esattamente quali sono le principali attrazioni e monumenti di Vejer: dalla muraglia al castello, scopriremo tutto quello che sarà possibile vedere a Vejer de la Frontera.

La muraglia della città

Vejer de la Frontera è una città con la muraglia ancora in buono stato, grosse più di due metri, proteggevano el pueblo dai nemici. Ci sono ben quattro entrate a Vejer:

  • Arco de la Segur
  • Arco de Sancho IV
  • Arco de la Villa
  • Arco de Puerta Cerrada

Non mancano ovviamente le torri dove è possibile salire per una visita e godersi il panorama. Tra le più belle troviamo la Torre del Mayorazgo, al lato di una casa tipica andalusa con un patio pieno di fiori.

Plaza de España de Vejer de la Frontera

Plaza España Vejer de la Frontera

Non solo a Siviglia c’è la meravigliosa Plaza de España, ma anche qui è presente (come in molte altre città della Spagna). La piazza fu costruita nel XVI secolo, inizialmente fu disegnata e pensata per poter godersi “La Corrida”, ma nel 1955 al centro fu costruita una fontana con azulejos pitturati a mano che richiamano lo stile sivigliano.

La fontana è la prima cosa che noterete quando arriverete in auto, si tratta di un posto da visitare se siete a Vejer.

Il castello di Vejer de la Frontera

Il castillo di Vejer de la Frontera è uno dei monumenti principali del paesino, ed anche questo come molti altri castelli dell’Andalusia, racconta una grande storia.

Il castello fu costruito durante i secoli X e XI e vale la pena sicuramente visitarlo (almeno da fuori) per il grande valore storico che comunica: si trova nel punto più alto della città e dispone di una sola entrata. I dettagli sono veramente incredibili, la serratura è in pieno stile architettonico moresco.

Ad oggi è una casa privata, quindi non si potrà entrare al suo interno.

Museo delle tradizioni e dei costumi di Vejer

Tra le principali attrazioni troviamo il museo dei costumi e delle tradizioni di Vejer, prima un convento e oggi punto importante del turismo. Il convento fu costruito nel 1522 ed al suo interno è possibile ora imparare di più sulla cultura di questo paese e dell’intera Andalusia.

Inoltre si tratta di un punto perfetto per una foto alla città, qui potete catturare la sua essenza grazie al paesaggio offerto con l’Arco de las Monjas.

Chiesa del Divino Salvatore

Chiesa Divino Salvador Vejer

Oltre agli elementi storici, le mura ed il castello, emerge la Chiesa del Divino Salvatore, costruita sulla base di una vecchia moschea dopo la riconquista. Lo stile della chiesa è completamente gotico-mudéjar risalente al secolo XIV.

La Iglesia del Divino Salvador è un monumento rilevante per Vejer de la Frontera, assolutamente da vedere e visitare. Non è molto lontana dal castello.

I mulini e il Mercato dell’Asta

Vejer de la Frontera durante il XIV secolo fu conosciuta per via dei suoi mulini al vento, costruiti per la produzione di farina nel quartiere di San Miguel. I mulini però erano completamente mossi dalle acque, già che il vento qui non sono così forti come in altre parti.

Attualmente i mulini sono preservati come storia del Pueblo.

Un buon posto da visitare ed anche per riposarsi e mangiare è sicuramente il mercato che si trova nel centro storico della città. Si tratta di un posto ideale per mangiare o bere un buon sherry locale. Qui è possibile veder come vivono le persone di Vejer.

Spiagge Vejer de la Frontera

Poco distante da Vejer c’è una delle spiagge più belle dell’Andalusia, ovvero “El Palmar” . La spiaggia si trova a 9km dal centro, ideale anche per gli amanti del surf o semplicemente per una giornata al mare.

La spiaggia è condivisa anche con Conil de la Frontera.

Dove dormire a Vejer de la Frontera

Se avete deciso di trascorrere un fine settimana romantico a Vejer de la Frontera è bene quindi trovare un buon posto dove alloggiare. L’ideale è nel centro del paese per conoscere al meglio gli usi di questa piccola popolazione da 12 mila abitanti.

Qui sotto potrai cercare il tuo hotel:



Booking.com

Conclusioni su Cosa vedere a Vejer de la Frontera

Per la vostra visita a Vejer de la Frontera ecco cosa consigliamo di vedere assolutamente:

  • Le case bianche: tipiche della città, infatti Vejer fa parte della Rotta dei Paesi bianchi;
  • Il castello e la Muraglia difensiva;
  • La Spiaggia: trascorrete una giornata al mare, in pieno relax alla Playa de El Palmar;
  • I mulini al vento ed il Mercato;
  • La chiesa del Divino Salvatore.
Vejer de la Frontera
  • Vejer de la Frontera
By:
Paolo nasce a Milano nel 1979, da 10 anni vive in Andalucia e vuole mettere a disposizione la sua esperienza per i lettori di questo sito che vogliono visitare o vivere in Spagna.
Commenti
Commenta per primo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.