cattedrale di granada spagna

Cattedrale di Granada: storia, orari e prezzi del biglietto

La città di Granada è molto caratteristica, e scoprire quelli che sono i monumenti principali è il primo passo per apprezzarla a tutto tondo. Uno dei monumenti imprescindibili quando si arriva in città è, senza dubbio, la cattedrale di Granada, simbolo della cattolicesimo per antonomasia, nonché uno dei luoghi più belli da visitare.

La storia della Cattedrale di Granada

Subito dopo la grande Riconquista del 1492, i Re Cattolici spinsero affinché venisse eretta una cattedrale, proprio lì dove sorgeva, in precedenza, la moschea nasride della città di Granada.

Per portare a compimento la grande e imponente opera, vennero chiamati, durante i primi anni del XVI secolo, due grandi architetti che sono Juan Gil de Hontañón e Enrique Egas che, tuttavia, erano già impegnati nella costruzione della celebre Cappella Reale. Il progetto della cattedrale, quindi, è loro e in un primo momento venne prevista una struttura in stile gotico.

Questo primo progetto, però, non riscosse molto successo, tanto che nel 1523 venne abbandonato, dopo soli 5 anni di lavori. A questo punto, subentrarono dei nuovi architetti, che stilarono un nuovo progetto in stile rinascimentale. Nello specifico, a dirigere i lavori venne chiamato Diego De Siloe e, dopo la sua morte che avvenne nel 1563, la palla passò a vari artisti di grande fame. Nel 1665 il progetto passò nelle mani di Alonso Cano, esponente dello stile barocco, che decise l’introduzione di molteplici elementi richiamanti proprio quest’ultimo.

I lavori di costruzione della Cattedrale di Granada vennero conclusi solo nel XVIII secolo.

La cappella Reale della Cattedrale di Granada

Questo monumento di grande bellezza sorge proprio accanto alla cattedrale e conserva quelle che sono le spoglie dei Re Cattolici Ferdinando e Isabella, nonché di Giovanna la Pazza, di Filippo il Bello e del piccolo Miguel. I resti sono conservati in un’apposita cripta.

Furono proprio i Re Cattolici a far erigere, nel 1506, la cappella in questione, che doveva diventare il luogo dove riposare dopo la morte e dopo la riconquista della città.

Essendo stato costruito in concomitanza con il primo progetto della Cattedrale, l’edificio è prettamente gotico e all’interno si nota una solo navata, con delle cappelle laterali. Si nota, inoltre, una cancellata che delimita i due doppi mausolei, che rappresentano da un lato Isabella di Castiglia e il marito Ferdinando di Aragona, e dall’altro la figlia Giovanna la Pazza con il marito Filippo il Bello.

L’interno e l’esterno della cattedrale di Granada

cattedrale di granada interno

Arrivando nei pressi della Cattedrale di Granada, si nota immediatamente la sua imponenza. Si tratta, del resto, di un grande e importante progetto architettonico, molto ben strutturato e con un notevole fascino. Tuttavia, le bellezza maggiori sono racchiuse all’interno della stessa.

Qui si notano cinque navate che segnano il percorso dall’entrata alla testata. Ognuna di esse è sostenuta da stupendi capitelli che terminano con degli archi e delle volte di estrema bellezza.

La chiesa misura 115,40 metri per 62,75 metri, mentre la cupola più alta arriva a 45 metri. Grazie all’intervento di Siloe, tra l’altro, si notano delle sovrapposizioni di piani e stili, che servono per ottenere una maggiore altezza e per conferire una maggiore luminosità, senza andare a rompere le proporzioni.

Come raggiungere la Cattedrale di Granada: orari e prezzi del biglietto

La cattedrale di Granada si trova nel centro della Plaza de las Pasiegas, cuore nevralgico della città. E’ visitabile dal lunedì al sabato dalle 10 alle 18.30, mentre la domenica e i festivi sarà aperta dalle 15 alle 18.

Il costo di entrata è gratuito per i bambini sino a 12 anni, mentre costa 5 euro per tutti gli altri. Nel prezzo è inclusa un’audioguida per osservare tutto quello che c’è da vedere.

Trovandosi in centro città, la cattedrale è raggiungibile a piedi e, soprattutto, è un ottimo punto di partenza per poi andare a visitare tutte le altre molteplici bellezze di Granada, una delle città più belle della Spagna, che merita di certo una visita approfondita.

By:
Paolo nasce a Milano nel 1979, da 10 anni vive in Andalucia e vuole mettere a disposizione la sua esperienza per i lettori di questo sito che vogliono visitare o vivere in Spagna.
Commenta per primo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *