ubeda

Ubeda, Spagna: cosa vedere

Ubeda, insieme a Baeza, sono due città dell’Andalucia, poco conosciute dai turisti italiani, ma che hanno molto da offrire. Proprio per questo, oggi, vedremo cosa vedere ad Ubeda. 

Per chi non lo sapesse, Ubeda viene anche definita la capitale del rinascimento Andaluso. Se si ama l’arte, e non solo, visitarla è quasi un obbligo, anche perché si resterà esterrefatti dalla grande bellezza di questa cittadina poco conosciuta che, però regala davvero tanti spunti e tante emozioni.

Prima di partire alla scoperta di questa bellissima cittadina, si deve dire che si trova nella comunità autonoma dell’Andalusia ed è posta in mezzo a due fiumi, che sono il Guadalquivir e il Guadalimar. Nello specifico, Ubeda si trova nella provincia di Jaén e, solitamente, chi si reca nei parchi naturali di Cazorla non può non passarci e, quindi, visitarla.

Per la sua bellezza, la cittadina è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e già questo ne fa intuire l’importanza. Quello che caratterizza Ubeda, oltre alla posizione, dato che sorge su una collina che regala una vista mozzafiato, è la presenza di un centro storico di tutto rispetto, con edifici e chiese che sono unici nel loro genere e che, pertanto, meritano una visita particolare. Quello che ha di particolare la cittadina è la forma del suo centro, che è quadrato, e dal quale si diramano una serie di stradine che poi finiscono su grandi e bellissime piazze.

Ubeda: la storia della città

cosa vedere a Ubeda

Ma prima di parlare delle bellezze architettoniche della città, è bene fare un passo indietro nel tempo, delineandone la storia, sin dalla sua origine. Con molta probabilmente, la zona di Ubeda fu abitata anche in tempi molto remoti. Per la precisione, durante alcuni scavi archeologici, sono stati rivenuti in zona alcuni reperti risalenti all’età del bronzo, anche se il primo vero insediamento di cui si ha traccia risale al 400 a.C.

Stiamo parlando di un insediamento a 15 km dall’attuale nucleo cittadino, che è stato ribattezzato Ubeda la Vieja. La località fu colonia romana, nel periodo di Augusto, e venne ribattezzata come Salaria e ancora oggi ci sono dei resti visibili. Dopo la dominazione romana, ci fu quella araba egli arabi vennero cacciati solo nel 121, con la famosa Reconquista. Da quel momento la città fu nuovamente spagnola, anche se ci furono alti e bassi, lotte intestine e molto altro. Solo nel XVI secolo la città di Ubeda iniziò ad acquistare una vera e propria identità.

Cosa vedere a Ubeda

Chiesa Salvador Ubeda

Entrando nel centro di Ubeda, colpisce subito l’Alcazar, che è l’antica residenza del califfo. Il palazzo si trova proprio nell’angolo a sud est della città, dal quale poi partono tutte le strade che portano alle porte della città e verso la piazza monumentale di Vázquez de Molina. Da non perdere per nessun motivo la bellissima, oltre che enorme, Chiesa di Santa Maria de los Reales Alcazares che è stata edificata su una moschea araba, proprio nel cuore della città di Ubeda.

Tra le cose da vedere a Ubeda troviamo anche gli edifici in stile gotico, come il Palazzo di Francisco de los Cobos o, ancora, quello di Vazquez de Molina, il Palazzo del Preside Ortega, l’Ospedale Honrados Viejos, il Cárcel del Obispo, che oggi ospita un tribunale.

Caratteristica predominante di Ubeda sono anche le ceramiche smaltate, che sono un retaggio della cultura araba e che si possono acquistare dai tanti vasai che si trovano nel centro storico.

Come arrivare a Ubeda

Per arrivare a Ubeda, si può volare fino all’aeroporto di Granada, che dista meno di 100 km dalla città. Da qui ci si può spostare con qualsiasi mezzo si desideri, dato che ci sono bus, treni e c’è la possibilità, come sempre, di noleggiare in loco un’auto, che dà anche maggiore libertà di spostamento se si vuole allargare il proprio giro anche alle zone limitrofe.

Ubeda, inoltre, offre moltissime soluzioni di alloggio per tutte le tasche e, pertanto, è possibile scegliere quella che si preferisce spendendo esattamente quello che si desidera.

By:
Paolo nasce a Milano nel 1979, da 10 anni vive in Andalucia e vuole mettere a disposizione la sua esperienza per i lettori di questo sito che vogliono visitare o vivere in Spagna.
Commenta per primo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *