camininto del rey

Caminito del Rey Malaga: biglietti e come arrivarci

Oggi parliamo del Caminito del Rey, una delle più affascinanti attrazioni presenti nella regione Andalusia, in provincia di Malaga. Ecco tutto quello che devi sapere su questo particolare percorso, considerato tra i più interessanti e belli al mondo.

Cosa è il Caminito del Rey ?

Fino a qualche anno fa, il Caminito del Rey era un percorso rivolto esclusivamente agli appassionati dell’escursionismo estremo. Oggi, invece, lo può percorrere chiunque, anche senza avere un allenamento specifico alle spalle. Si trova a poco più di 50 km da Malaga. Da quattro anni (la riapertura è avvenuta nel 2015), il Cammino del Re accoglie di nuovo gli escursionisti più coraggiosi e chi, tra i visitatori stranieri, non ha paura di attraversare i ponti sospesi a oltre 100 metri d’altezza su gole spettacolari.

Per alcuni, il Caminito del Rey è l’emblema di un viaggio unico, a tratti indimenticabile, grazie all’enorme adrenalina che riesce a trasmettere il sentiero. Per altri invece è divenuto un sentiero come gli altri, motivo per il quale cercano di abbinare alla visita anche altri tipi di escursioni durante la loro visita nella provincia di Malaga, concentrando le loro attenzioni in particolar modo sulle località della Costa del Sud, come ad esempio Estepona.

Il punto di partenza del percorso è fissato ad Ardales, quello di arrivo a El Chorro. Entrambe le due località sono inserite geograficamente nell’entroterra della provincia di Malaga, in un’area dove si susseguono canyon e gole spettacolari, che nulla hanno da invidiare ad altri luoghi ben più famosi Oltreoceano. Il fiume che scorre tra le gole è il Guadalhorce, che sfocia nel mar Mediterraneo dopo essere giunto fino a Malaga, dopo un percorso di 166 km.

La gola in cui si sviluppa il Caminito del Rey si chiama desfiladero de los Gaitanes, nota anche con il nome di garganta del Chorro. La gola dei Gaitanes può raggiungere una profondità massima di 700 metri, dopo l’azione incessante del fiume Guadalhorce, che ha una portata di 8 metri cubi al secondo.

Il Cammino del Re è spesso etichettato come uno dei sentieri più pericolosi al mondo. In realtà, dopo i lavori per la sicurezza operati negli anni precedenti e la riapertura datata al 2015, il Caminito del Rey è ora una bellezza naturale aperta a tutti, anche alle famiglie, che ha guadagnato in sicurezza e conservato al tempo stesso un valore storico e un fascino impareggiabili. Non dare molto peso dunque a chi lo dipinge come un percorso adatto soltanto agli escursionisti che hanno alle spalle centinaia di escursioni difficili. Magari, se soffri di vertigini, cerca di non guardare al di là della passerella di legno.

Informazioni pratiche sul Caminito del Rey

Il percorso del Caminito del Rey misura in complessivamente 7,7 km. I tratti in passerella occupano in totale 2,9 km. Gli altri 4,8 km si snodano invece lungo sentieri in terra battuta. Molti si domandano prima di organizzare l’escursione alle gole di Gaitanes quanto tempo si impiega per completare il tracciato. Devi sapere che non esiste una risposta univoca, molto dipende sia dal passo che sei in grado di sostenere lungo la passeggiata di 7,7 km sia quanto volte ti fermi per ammirare un determinato paesaggio o semplicemente per scattare un selfie.

In media, tenendo in conto un passo normale e le immancabili foto allo spettacolare canyon del fiume Guadalhorce, si impiegano circa 3 ore per compiere l’intero percorso che parte dalla località di Ardales per raggiungere El Chorro. Se hai la possibilità di arrivare fin qui con la tua auto a noleggio, ricorda che non sei costretto a percorrere il sentiero a ritroso per tornare al parcheggio (il cammino, tra andata e ritorno, diventerebbe di oltre 15 km).

Una volta che giungi alla fine del percorso, puoi salire a bordo della navetta che da El Chorro ti riporta al parcheggio dove hai lasciato in precedenza l’automobile. Il bus navetta ha un costo di un euro e 55 centesimi.

Quello di Ardales, località che identifica l’ingresso nord del Caminito del Rey, non è l’unico parcheggio messo a disposizione per le auto. Infatti, puoi usufruire anche del parcheggio presente in prossimità della fine del sentiero, in località El Chorro. Molti visitatori stranieri preferiscono la soluzione El Chorro perché quest’ultima località, a differenza di Ardales, è collegata con Malaga attraverso il treno e una stazione ferroviaria che si trova proprio di fronte all’ingresso sud del Caminito del Rey.

Qual è l’orario migliore per compiere la passeggiata? Come forse già saprai, l’Andalusia in estate è una delle terre più afose di tutta la Spagna e dell’intera Europa mediterranea, come insegna l’esperienza di un soggiorno a Siviglia durante i mesi estiva. Nonostante il Cammino del Re si trovi a un’altitudine superiore ai mille metri, il caldo rappresenta un fattore da tenere in grande considerazione.

Per questo motivo, se organizzi il tuo tour in Andalusia durante l’estate, ti consigliamo di affrontare la passeggiata al primo orario utile disponibile, non appena cioè lo staff che gestisce il percorso consente l’accesso all’area. Se invece scegli di visitare la suggestiva regione spagnola in un periodo di bassa stagione, come ad esempio la primavera o la seconda parte dell’autunno, ogni orario va bene dal momento che la calura estiva diventa soltanto un lontano ricordo.

Abbigliamento consigliato Camminito del Rey

caminito del rey

Un discorso a parte merita l’abbigliamento da indossare per affrontare nel migliore dei modi il Caminito del Rey. Anche se non sono obbligatorie, ti consigliamo caldamente di portare con te in vacanza un paio di scarpe da trekking, mettendo in preventivo l’escursione nel canyon scavato dal fiume Guadalhorce. Oltre alle scarpe adatte per l’escursionismo, non dimenticarti di indossare un abbigliamento estremamente comodo, sia per non soffrire il caldo sia per muoverti con più agilità durante la passeggiata.

Un’altra cosa importante che devi sapere è l’assenza totale durante il percorso di bagni ed esercizi commerciali dove poter acquistare acqua o cibo. Considerata la lunghezza del Caminito del Rey, ti suggeriamo di fare un’abbondante colazione in albergo prima di arrivare e di portare con te una o due bottigliette d’acqua in caso di bisogno. Prima di partire con l’auto o un qualsiasi mezzo di trasporto pubblico (treno o bus) per Ardales o El Chorro, verifica le condizioni meteo. Infatti, quando piove o tira un vento molto forte, le partenze dall’ingresso nord e sud vengono cancellate. Infine, se ti può far stare più tranquillo, ricorda che quando acquisti il biglietto c’è inclusa anche un’assicurazione, oltre alla dotazione di un casco.

Come arrivare al Caminito del Rey

Ipotizziamo che stai partendo dal centro di Malaga con l’auto a noleggio ritirata in precedenza all’aeroporto o in uno dei centri delle compagnie di noleggio auto presenti nella città dell’Andalusia, in Spagna. Per raggiungere il Caminito del Rey, imbocca la A-357 in direzione di Calle Armengual de la Mota, fino ad Ardales, dove poi entri nella MA-5403, strada che conduce fino al parcheggio. La durata del tragitto in macchina è di circa un’ora arrivando da Malaga, a patto che le condizioni del traffico siano normali.

L’itinerario alternativo in automobile prevede il passaggio passando per El Chorro, dove è presente l’ingresso sud del Cammino del Re. Partendo sempre da Malaga, la strada di riferimento iniziale è la A-45 fino alla località Casabermeja. Da qui in avanti, entra nella MA-3404, imboccando la A-7075 superato il centro abitato di Arroyo Coche. Arrivato a Villanueva de la Concepcion, prosegui in direzione di La Joya e Valle de Abdalajis. A questo punto, prendi la strada per El Chorro, da dove poi continui sulla MA-5403.

Se non hai l’auto, esiste l’alternativa del treno, in partenza da Malaga e diretto a El Chorro, località munita della stazione ferroviaria. La stazione di riferimento a Malaga è Maria-Zambrano, El Chorro è invece la stazione d’arrivo. La compagnia ferroviaria che opera la tratta Malaga-El Chorro è Renfe.

In totale, puoi contare su due corse giornaliere dirette a El Chorro. La prima parte alle 7.08 del mattino, la seconda invece alle 16.04. Il tragitto in treno ha una durata di poco inferiore ai 60 minuti, a patto che la tratta sia diretta. In caso contrario, la durata del viaggio in treno da Malaga a El Chorro può arrivare fino a 2 ore.

Un’altra città ben collegata con El Chorro attraverso il treno è Siviglia. Così come per la tratta Malaga-El Chorro, anche in questo caso vi sono due corse giornaliere, la prima alle ore 7.40 del mattino e la seconda alle 13.08. Il tempo impiegato dal treno della compagnia Renfe per completare la tratta è pari a 2 ore e 35 minuti. Oltre che in auto e in treno, puoi raggiungere Il Caminito del Rey anche in autobus. Il consorcio di trasporto della provincia di Malaga (CTMAM) garantisce nei giorni feriali e festivi la tratta Malaga-El Chorro grazie alla linea numero 235. Hai a disposizione due corse giornaliere: la prima alle 8.30 del mattino, la seconda alle ore 15.00. Confermate due corse giornaliere anche per la tratta di ritorno, da El Chorro a Malaga, con le partenze fissate alle 11.45 e alle 18.45. In totale, la durata del tragitto è di un’ora e 15 minuti.

Biglietti per il Caminito del Rey

L’ingresso al percorso del Caminito del Rey ha un costo di 10 euro. Nel prezzo non vi è inclusa la navetta che da El Chorro conduce ad Ardales (e viceversa). Inoltre, il biglietto da 10 euro consente unicamente di compiere il tragitto in autonomia, senza l’ausilio di una guida. Se invece vuoi usufuire dell’aiuto di una figura professionale, in grado di spiegarti sia la storia che la geografia del luogo, il costo del biglietto sale a 18 euro. Ti segnaliamo infine che l’ingresso è vietato ai bambini di età inferiore agli 8 anni.

Purtroppo le richieste per il Camminito del Rey sono veramente tantissime, fortunatamente esistono dei tour che ad un costo leggermente superiore ci consentono di accede in quasi tutti i periodi dell’anno, puoi acquistarlo direttamente qui: Biglietti Camminito del Rey.

Orari Caminito del Rey

Ad eccezione del lunedì, il Caminito del Rey è aperto ai visitatori tutti i giorni della settimana, dal martedì alla domenica. Il primo ingresso è alle ore 9.30, l’ultimo invece alle ore 14.30. Oltre a tutti i lunedì dell’anno, il percorso è chiuso per Capodanno (31 dicembre-1 gennaio) e in occasione delle giornate del 24 e 25 dicembre.

Dormire vicino al Caminito del Rey

Considerati i collegamenti con la città di Malaga, che si trova a poco più di 50 km, ti suggeriamo di prenotare un posto per dormire nella città spagnola, in modo da avere a disposizione una più ampia scelta dove alloggiare e garantirti la possibilità di compiere altre interessanti escursioni lungo la Costa del Sol, come ad esempio a Estepona. Se invece desideri soggiornare nelle immediate vicinanze del Cammino del Re, ti consigliamo le seguenti strutture ricettive: La Posada del Conde (hotel a 3 stelle, a 4 km dall’ingresso nord), Ardales Park Apartments (a poco più di 10 km dall’ingresso nord). Il prezzo medio a notte si aggira tra i 50 e 70 euro.

Tour per il Caminito del Rey

Esistono vari tour in partenza dalla città di Malaga che coprono qualsiasi aspetto organizzativo: lo spostamento in autobus da Malaga a El Caminito del Rey, l’ingresso con abbinata una guida (anche in italiano) e l’assicurazione da viaggio. Puoi inoltre disporre anche dell’opzione pranzo in loco. Se scegli il tour, valuta la prenotazione alcune settimane prima della partenza, in quanto El Caminito del Rey è un’escursione molto gettonata.

Puoi scegliere il tuo tour qui:

  • Caminito del Rey
5,0

Riassunto

Il Caminito del Rey è una delle principali attrazioni della provincia di Malaga, adatto a tutti grandi e piccoli ma non a chi soffre di vertigini.

By:
Paolo nasce a Milano nel 1979, da 10 anni vive in Andalucia e vuole mettere a disposizione la sua esperienza per i lettori di questo sito che vogliono visitare o vivere in Spagna.
Commenti
Commenta per primo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.