Home » Malaga » Cosa vedere a Gibilterra
cosa vedere a gibilterra

Cosa vedere a Gibilterra

by Paolo

Se ci troviamo nel sud della Spagna e stiamo visitando l’Andalusia, è obbligatorio chiedersi (guardando la mappa): Cosa vedere a Gibilterra?

Per descrivere Gibilterra non bastano le parole, perché si tratta di una città assolutamente unica, che fonde insieme la cultura inglese con quella spagnola, che ha un in sé un po’ di Nord Africa, ma anche un po’ di radici italiane e, per la precisione, genovesi. Storie di colonizzazione, ma anche di scambio proficuo di cultura e sapere: tutto questo ha reso Gibilterra una delle mete più belle in assoluto di tutta la penisola iberica.

Dove si trova Gibilterra?

Per chi non lo sapesse, Gibilterra, nota anche come The Rock, si trova all’estremità meridionale della Spagna (in Andalusia) a pochi chilometri da Tarifa, ma solo geograficamente, essendo una colonia britannica. Si tratta del perfetto punto di incontro tra Mediterraneo e Oceano Atlantico e questo la rende una vera e propria chicca da non perdere. Gibilterra, infatti, era una delle due Colonne d’Ercole (l’altra si trovava in Marocco ed era, per la precisione Jebel Musa) che segnavano il confine di quello che era il mondo antico.

Scoprire Gibilterra: un po’ di storia dello Stretto di Gibilterra

gibilterra stretto

Come detto, Gibilterra ha da sempre una posizione a dir poco strategica, che l’ha resa una zona molto ambita. Nel 711 venne conquistata dal governatore di Tangeri, che la utilizzo da rampa di lancio per l’invasione della Spagna. Venne riconquistata dalla Castiglia solo nel 1462 ma, dopo la guerra di successione e il trattato di Utrecht, siglato nel 1713, la zona venne data alla Gran Bretagna. Questo, però, non fermò la Spagna dal tentare di riconquistare la zona: durante la Rivoluzione Americana, tra il 1779 e il 1783, ci furono diversi tentativi, mai andati a buon fine. Un risultato definitivo si ebbe nel 1967, quando gli stessi abitanti decisero di confermare la sovranità britannica, anche se oggi Gibilterra è una colonia che si autogoverna.

Cosa vedere a Gibilterra: la Rocca di Gibilterra o Peñon de Gibraltar

cosa vedere a gibilterra

Se visitate l’Andalusia e state organizzando un giro in Andalusia, un salto a Gibilterra è d’obbligo essendo praticamente a pochi chilometri dalle principali andaluse, si tratta di una visita obbligata se avete qualche giorno libero. Attraversando il confine vi sembrerà di arrivare in Inghilterra in un batter d’occhio, inoltre sarà fantastico passeggiare per la strada pedonale “Main Street” e senza perdersi la rocca di Gibilterra.

Gibilterra sorge sulla punta più a sud della Spagna e, per la precisione, nella Baia di Algeciras. Si tratta di una città di una bellezza sconvolgente, con un cuore molto inglese e un castello moresco che parla arabo. Si tratta di una delle pochissime testimonianze di quell’epoca, dato che tutti gli elementi che ricordano la dominazione araba e spagnola sono stati distrutti e sostituiti dalla Main Street, strada pedonale dal sapore britannico.

Nella zona ad est della Rocca di Gibilterra si trovano il porto e, raggiungibile attraverso una funicolare, una riserva naturale dove si possono vedere macachi e scimmie, che ricordano l’Africa, che è molto vicina. Spostandosi verso nord, invece, si trova un sistema di gallerie, i Siege Tunnels, che sono state scavate nella roccia dai britannici, durante il XVIII secolo.

Imperdibile anche il Gibraltar Museum, nel quale si trovano, oltre a reperti spagnoli, arabi e britannici ecc, anche resti di una donna di Neanderthal di 100 mila anni fa. Non si possono non visitare il cimitero di Trafalgar e il giardino botanico di Alameda. A meno di 20 minuti dalla funicolare, imperdibile la grotta naturale St Michael’s Cave, ad oggi usata per gli spettacoli teatrali.

E’ possibile raggiungere anche la cima della Rocca di Gibilterra, in cima troverete oltre ad una bellissima vista dell’intera penisola, anche quelli che sono la principale attrazione della zona: le scimmie. Vi consiglio di utilizzare la funivia e di visitare questa zona veramente incredibile.

Come arrivare a Gibilterra mappa e info

Gibilterra è raggiungibile da moltissime città della Spagna, in bus, mentre da Tangeri parte un traghetto che porta proprio sino al porto della città. Se si desidera raggiungere Gibilterra in aereo, allora si deve fare scalo a Londra Luton o Manchester. Per i cittadini UE è sufficiente la carta di identità valida per l’espatrio, in alternativa il passaporto.

Potete raggiungere lo stretto di Gibilterra anche in auto da Malaga, Siviglia o Cadiz e scegliere se parcheggiare prima del confine (c’è un grande parcheggio economico ) o in alternativa potete entrare con la vostra automobile ma segnaliamo che i parcheggi sono molto cari.

tag: gibilterra cosa vedere, gibilterra cose da vedere, stretto gibilterra.

Rocca di Gibilterra cosa vedere e come visitare

Nello stretto di Gibilterra ci sono le scimmie e si trovano sulla famosa rocca e leggenda narra che finché saranno li, questo pezzo di terra continuerà ad essere parte del Regno Unito. Ma cosa vedere nella rocca di Gibilterra e soprattutto come fare per visitarla?

Salire alla rocca di Gibilterra a piedi è possibile, ma saranno necessarie ore e ore di salita. Fortunatamente esiste una funivia, in fondo alla Main Street, che vi consente in circa 5 minuti di arrivare in cima e godervi il panorama. Se avete la fortuna di  avere una buona giornata con una buona visibilità dall’altro potrete godere di una delle migliori viste dell’Andalusia con sullo sfondo il Marocco e tutta la Baia.

Scimmie di Gibilterra: come vederle?

Stretto di Gibilterra Scimmie

Come già detto precedentemente a Gibilterra ci sono le scimmie, è possibile vederle un po’ ovunque sulla rocca e ovviamente farsi qualche foto con loro. Tuttavia vi invitiamo a fare attenzione in quanto spesso rubano cibo dalle borse e dagli zainetti.

Caverne di Saint Michael’s: le caverne di Gibilterra e i Great Siege Tunels

Gibilterra ha una grotta naturale che si chiama Saint Michael’s Cave, questa zona ad oggi è utilizzata per concerti ed eventi ma è anche possibile visitare le grotte con una visita guidata. All’interno delle grotte è presente anche un lago sotterraneo, uno spettacolo unico che vi consigliamo di non perdere assolutamente.

Sempre sulla rocca troviamo anche i Great Siege Tunels, gallerie costruite dai militari durante il 1779 e 1782 per la difesa del territorio contro le truppe spagnole e francesi, un’architettura geniale che è possibile visitare.

Spiagge Gibilterra

Oltre alle offerte culturali il piccolo territorio inglese ha da offrire anche bellissime spiagge, infatti questa meta è anche la favorita degli inglesi. Le spiagge principali di Gibilterra sono la Catalan Bay, sicuramente la più famosa dato lo scenario nel quale si trova: casette di pescatori di vari colori che rendono il tutto incredibile.

Nella parte orientale della penisola troviamo ulteriori spiagge, come ad esempio la Sandy Bay.

Punta Europa: il passaggio tra Mediterraneo e Oceano Atlantico

Se andate a Gibilterra è obbligatorio raggiungere Punta Europa, è praticamente il punto più vicino all’Africa (appunto lo stretto di Gibilterra) dove è possibile godere di viste incredibili. Qui troviamo anche la Moschea di Wladystaw Sikorski, il faro e vari punti di osservazione dove è possibile vedere delfini e balene durante il periodo di migrazione.

Documenti per visitare Gibilterra

Se state pianificando la vostra visita a Gibilterra, l’unico documento che è necessario per entrare in terra inglese è la carta di identità, non è necessario nessun tipo di visto al momento, anche se potrebbero esserci dei cambiamenti con il Brexit.

Come muoversi a Gibilterra

Sebbene sia una piccola cittadina indipendente appartenente al Regno Britannico, è sempre bene sapere come muoversi a Gibilterra per evitare di sbagliare strada o incorrere in “blocchi”. Gibilterra è ovviamente percorribile in automobile ma per entrarvi dovrete passare attraverso il confine (con i dovuti controlli) e solo successivamente potete accedervi, ovviamente è da precisare che i tempi di attesa (le code che si formano sono veramente chilometriche a volte) potrebbero essere lunghi soprattutto al mattino (all’ingresso) e nel pomeriggio (all’uscita).

Una soluzione, se raggiungete Gibilterra in automobile, è quella di parcheggiarla nei parcheggi che ci sono proprio prima della frontiera ed attraversare i controlli a piedi. Il tempo di camminata dal parcheggio al centro di Gibilterra è di circa 15 minuti, ma intanto vi godrete la possibilità di attraversare la pista dell’aeroporto a piedi. 

Se proprio non volete camminare, vi consiglio di prendere gli autobus che sono disponibili proprio subito dopo il confine.

Dove dormire a Gibilterra

Dal nostro punto di vista non conviene fermarsi a Gibilterra a dormire, piuttosto consigliamo di dormire in una delle città adiacenti (La Linea de la Concepción). Se invece volete sostare a Gibilterra per la notte ecco alcune (e poche) alternative presenti che ovviamente possono essere costose.

  • Sunborn Gibraltar: si tratta di un post un po’ particolare visto che è una nave da crociera, ormeggiata al porto di Gibilterra, che offre la possibilità di dormire all’interno come un vero e proprio hotel! All’interno non mancano le attrazioni da crociera e una bellissima vista!
  • TheRock Hotel: è l’hotel che si trova al centro di Gibilterra, qui ha alloggiato anche il governatore Winston Churchill. I costi? Dipende, ma come già detto non sono proprio economici!
  • Gibilterra
0 commento
0

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetto Leggi di più