Home » Siviglia » Archivio delle Indie a Siviglia
archivio generale indie siviglia

Archivio delle Indie a Siviglia

by Paolo

Tra le cose da vedere a Siviglia spicca, in Plaza del Triunfo, un edificio storico molto importante: stiamo parlando dell’Archivio delle Indie che merita un’approfondita visita. Ma prima di partire alla scoperta del luogo, è importante conoscere un po’ di storia di questo edificio progettato da Juan de Herrera, che risale al XVI secolo e che, in origine, nacque come sede della prestigiosa Borsa delle Merci di Siviglia.

Archivio delle Indie: quello che bisogna sapere

La prima cosa da sapere è che l’archivio in questione racchiude tutti quelli che sono i principali documenti risalenti all’epoca della dominazione spagnola nelle Americhe. Si tratta, quindi, del luogo ideale per tutti coloro i quali vogliono andare indietro nel tempo e andare a scoprire quelli che sono i rapporti che intercorrevano tra la madrepatria e le colonie.
L’Archivio Generale delle Indie si trova nell’antico mercato di Siviglia, altresì noto come la Casa Lonja de Mercaderes.

Tuttavia, oltre alla grande valenza da questo punto di vista, lo stabile in questione è anche molto bello da vedere e, soprattutto, da scoprire. L’edificio è un insolito esempio italo-spagnolo di architettura rinascimentale e, in quanto tale, nel 1987 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco.

Una delle peculiarità di questo stabile è la pianta quadrata che accoglie un cortile interno molto grande e bello. Sebbene si possa notare un secondo piano, c’è da sottolineare che questo venne aggiunto solo in un secondo momento, circa 100 anni dopo, quando il re Juan Carlos III scelse l’edificio in questione come sede del suddetto archivio: bisognava, quindi, aggiungere delle cose per rendere la struttura più utile al fine per il quale veniva utilizzata.

Sempre risalente a quel periodo è anche la decorazione della scala principale che, senza dubbio, è una delle peculiarità più rappresentative dell’intera struttura.

archivio indie interno

Al momento, l’Archivo General de Indias contiene qualcosa come 9 km di scaffali ben distribuiti in tutte le sale e sui quali sono presenti circa 43.000 volumi per un totale di 80 milioni di pagine di documenti che risalgono tutti al tempo della dominazione coloniale. Tra questi ci sono i documenti di suddetti enti e di suddette fonti:

  • Consejo de Indias, secoli XVI-XIX
  • Casa de la Contratación, secoli XVI-XVIII
  • Consulados de Sevilla y Cádiz, secoli XVI-XIX
  • Secretarías de Estado y Despacho Universal de Indias, de Estado, Gracia y Justicia, Hacienda y Guerra, secoli XVIII-XIX
  • Secretaría del Juzgado de Arribadas de Cádiz, secoli XVIII-XIX
  • Comisaría Interventora de la Hacienda Pública de Cádiz, Dirección General de la Renta de Correos, secoli XVIII-XIX
  • Sala de Ultramar del Tribunal de Cuentas, secolo XIX
  • Real Compañía de la Habana, secoli XVIII-XIX.

Ad oggi, la struttura è, senza dubbio, una delle maggiori biblioteche di ricerca di tutta la Spagna, tanto che anche nel periodo di restaurazione, a cavallo tra il 2002 e il 2004, non è stata chiusa al pubblico.

Si deve notare che dal 2005 è stato messo a punto un programma per la digitalizzazione di diversi milioni di pagine e tuttora il progetto è portato avanti con costanza.

Trovandosi nel pieno centro storico della città andalusa, è impossibile non notare questa peculiare struttura che, come detto, merita un’attenta visita.

Come arrivare all’archivio delle Indie

Raggiungere l’archivio generale delle Indie è molto semplice perché si trova a Plaza del Triunfo, di fianco alla cattedrale di SivigliaPuoi arrivare all’archivio attraverso la metropolitana scendendo alla fermata Puerta de Jerez, il punto di interesse si trova a 400 metri dall’uscita della metro.

Questo è il percorso da fare una volta arrivati a Puerta Jerez, per qualsiasi informazione potete lasciare un commento.

0 commento
0

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetto Leggi di più