monastero della cartuja

Monastero della Cartuja: Museo di Arte Contemporanea di Siviglia

Il Monastero della Cartuja si trova sull’Isla de la Cartuja di Siviglia, è conosciuto anche come Monastero di Santa Maria de las Cuevas. Il monastero è stato ristrutturato in occasione della Expo del ’92 e ad oggi è anche un museo delle belle arti. 

Storia del Monastero della Cartuja

Durante il XII secolo la zona dove sorge attualmente il Monastero della Cartuja era utilizzata per la realizzazione di ceramiche grazie dell’abbondanza di argilla presente. Questo lavoro fu poi continuato dagli abitanti di Triana, il quartiere di Siviglia, fin quando secondo la leggenda trovarono un’immagine della Vergine Maria all’interno di una delle grotte e per questo costruirono una piccola chiesa di Santa Maria de las Cuevas.

Solo nel 1400 fu costruito il Monastero della Vergine delle Grotte grazie a l’arcivescovo Gonzalo de Mena e al finanziamento della famiglia Ribera. Alla fine del XV secolo si stabilì anche l’Ordine de los Cartujos. Nel 1810 durante l’invasione da parte dei francesi il monastero fu saccheggiato e tutte le decorazioni scomparvero e il luogo fu utilizzato come quartiere generale delle operazioni dei francesi e la chiesa fu convertita in una stalla.

Alcuni anni dopo il Monastero de La Cartuja diventa una fabbrica di ceramica in stile inglese, il tutto fino al 1982 quando la fabbrica dovette cambiare di sede.  L’edificio fu ristrutturato in occasione della Expo Internazionale del 1992 tenutasi a Siviglia ed utilizzata come padiglione reale di Spagna. Nel 1997, dopo qualche anno di disuso, divenne il Centro Andaluso di Arte Contemporanea e Museo di Arte contemporanea di Siviglia.

Cosa vedere nel Monastero della Cartuja?

Sicuramente meritevole di una visita, il Museo della Cartuja è uno dei luoghi più interessanti della città di Siviglia, si trova non molto lontano dal centro storico e facilmente raggiungibile. Cosa vedere all’interno del Monastero? Ecco la nostra selezione:

  • Puerta de la Cadenasè la porta di ingresso al monastero, in stile barocco e molto decorata. Qui è possibile trovare le piastrelle con lo scudo dell’Ordine dei Monaci del Monastero e del Fondatore dello stesso;
  • Cappella di fuoriin stile barocco del secolo XVII, all’interno è ben conservato l’altare. Questa piccola cappella era utilizzata per i malati ed i poveri;
  • Atrio: si tratta di un piccolo patio dove è possibile ammirare l’entrate alla chiesa in stile gotico risalente al secolo XV, ai suoi lati è presente una galleria, a sinistra vengono esposte alcuni reperti archeologici e si ha accesso alla cella priorale.
  • La Chiesa: una chiesa risalente allo stesso periodo della Cattedrale di Siviglia, la facciata è in stile gotico con chiari segni di decorazione mudéjar e con dettagli in piastrelle. L’interno è composto da una sola nave e conserva perfettamente la decorazione del 1614. Molto importanti anche le tre cappelle che sono attaccate alla chiesa, la Cappella di Sant’Ana, quella di Santa Catalina e quella di San Bruno. All’interno della Cappella di Santa Ana fu sepolto Cristoforo Colombo per oltre 30 anni è in stile mudéjar e risale al secolo XV.
  • Sacrestia: Imperdibile la visita alla Sacrestia del secolo XVI, sempre in stile mudéjar con all’interno bugnato del coro. Durante l’invasione da parte dei francesi la sacrestia fu utilizzata come macelleria.
  • Chiostro Mudejar con colonne di marmo e archi inclinati. Tramite i vari corridoi presenti è possibile accedere al Refettorio, la Cappella della Maddalena e la Sala del Capitulo, qui dentro è possibile ammirare la statua di Juana de Zúñiga e sua figlia catalina sepolte nel convento Madre di Dio di Via Águilas. All’interno della Sala del Capitulo è possibile osservare archi trionfali con le figure del Cristo giacente risalenti al 1520. Intorno alla chiesa, invece, sorgeva il Chiostro Grande che oggi è completamente distrutto.

Per via del passato di fabbrica all’interno del Monastero della Cartuja è possibile incontrare forni, edifici industriali e ciminiere.

 Centro Andaluso di Arte Contemporanea e Museo di Arte Contemporanea di Siviglia

All’interno del Monastero è presente il Centro Andaluso di Arte contemporanea, conosciuto anche come museo di arte contemporanea di Siviglia aperto dal 1997, all’interno è possibile osservare esposizioni di arte moderna e bizzarre opere d’arte permanenti come Alicia di Cristina Lucas, ovvero una testa enorme e un braccio che sporgono dalle due finestre del monastero, ispirata (a quanto pare) ad Alice nel Paese delle Meraviglie. Tra gli altri pezzi bizzarri troviamo Bus Stop una singolare fermata di autobus.

Orari e prezzi Centro Andaluso di Arte Contemporanea e Monastero della Cartuja

E’ possibile visitare il monastero e la galleria d’arte al costo di 3 euro per la visita completa (1,80€ per monumento ed esposizione) dal martedì al venerdì dalle 7 alle 21, il sabato invece l’ingresso è gratuito.

  • Martedì – Venerdì : 7h – 21h
  • Sabato e Lunedì : 11h – 21h
  • Domenica 11h – 15h

Come arrivare al Monastero della Cartuja

Per raggiungere il monastero della Cartuja situato in Calle Américo Vespucio 2 bisogna prendere l’autobus c1 dal centro di Siviglia, potete avere maggiori informazioni consultando la mappa qui sotto:

Hotel vicino al Monastero della Cartuja

Se volete soggiornare in zona Monastero potete cercare un hotel attraverso il form qui sotto, vi saranno proposti i migliori hotel in zona in base alla qualità ed al prezzo:




By:
Paolo nasce a Milano nel 1979, da 10 anni vive in Andalucia e vuole mettere a disposizione la sua esperienza per i lettori di questo sito che vogliono visitare o vivere in Spagna.
Commenta per primo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *